L'”effetto Brunetta” prima di Brunetta

Giulio Zanella su noiseFromAmerika con i dati della relazione del ministero mostra come il tanto decantato effetto Brunetta, ovvero l’effetto delle dichiarazioni del ministro, non sia sufficiente a spiegare il calo delle assenze dovute a malattia, cominciato molto prima.

assenze per malattia nella PA dal 2004 al 2008

Advertisements

4 risposte a “L'”effetto Brunetta” prima di Brunetta

  1. Cari amici, contemporaneamente a Giulio Zanella ho pubblicato sul mio blog un’analisi simile con qualche dato aggiuntivo sulla impropria selezione delle amministrazioni pubbliche usate dal ministero per stimare i dati di assenteismo.

    Lo potete trovare qui

    http://innovatorieuropeistlouis.wordpress.com/2008/08/06/leffetto-brunetta-e-una-bufala/

  2. Grazie del suggerimento

  3. I dati sull’assenteismo sono stati contestati anche dal sindacato. Ritengo che l’assenteismo sia diminuito non nella misura rilevata dal Ministro Brunetta. Il problema che rimane da risolvere come trasformare questa “maggiore presenza” in maggiore qualità dei servizi pubblici e produttività con una organizzazione della P. A. che non è cambiata per nulla. Non condivido quanto dichirato dal Ministro Brunetta che il minore assenteismo si trasformi automaticamente in miglioramento dei servizi se gli altri fattori rimangono invariati anzi è vero il contrario. Occorre cambiare il sistema: se alcuni dipendenti lavorano poco facendo cose non utili o dannose è inutile raccomandare di lavorare di più occorre intervenire sull’organizzazione e sul lavoro del sistema della P. A..

  4. Un grandissimo governo, dopo il ministero dei pomp…, abbiamo il più grande ministro che la P.A. potesse aspettarsi. Si noi siamo sicuri che il ministro brunetta sarà all’altezza del suo compito. Certo noi sappiamo che, purtroppo tu non sei riuscito a lavorare neppure un giorno della tua vita, ma adesso ti si prospetta un’ottima occasione per poterti misurare. Un bellissimo lavoro di elevata responsabilità in cui un tuo errore potrebbe costare la vita a qualcuno (e non c’è poi nessun lodo Schifano che possa salvarti), in cui ti si concedono molti turni di notte, molte domeniche e festività di lavoro, le ferie dovrai discuterle con i tuoi colleghi, avrai una schiera di capi più o meno autoritari e tutto questo per ben 1250 Euro. Inoltre ti viene data la possibilità di sporcarti le mani (non solo in senso metaforico come spesso accade nei tuoi ministeri) pulendo gli escrementi e vari liquidi biologici. Vedi che bello, iscriviti anche tu alla facoltà di Infermieristica e vedrai che il lavoro non manca (non si capisce perché nessuno voglia fare questo lavoro). Quando finalmente ti sarai laureato avrai anche tu il titolo che, con orgoglio potrai esporre di “gran fannullone” (di questo naturalmente ti siamo debitori) non come i tuoi “onorevoli” colleghi (il cui unico onore è quello di non produrre nulla e di consumare moltissimo) che, purtroppo per loro non sanno fare nulla.
    Certo tu sei molto brillante quando ci dici che la sanità deve essere data alle cooperative in outsarching oppure in make or buy, la gente è normalmente così poco dotata che non capisce che il tuo intento è la privatizzazione completa del sistema sanitario, questo naturalmente per arricchire chi ha già tanti soldi (troppi). Si sa bene che l’esternalizzazione non ha portato a nessun risparmio (anzi ad una perdita in termini monetari) e ad uno sfruttamento selvaggio dei poveri lavoratori riducendo l’efficacia (qualità) delle prestazioni. Dalle ricerche del gruppo OASI risulta che mediante le esternalizzazioni solamente il 4% è riuscito a far quadrare i bilanci (in pareggio, mediante gli appalti) tutti gli altri sono in perdita; naturalmente quelli che pagano di più sono certamente i pazienti (i più deboli); ma cosa importa tanto gran parte di questi non sono produttivi e quindi dei parassiti e tu non rimpiangerai certo la loro dipartita (che gran brava persona).
    Carissimo ministro noi ti auguriamo tutto il bene possibile, però se per dovessi avere qualche problema di salute al tuo già precario fisico speriamo sia una malattia cronica degenerativa e che tu possa poi trovare un ministro che ti vuole togliere i soldi per la tua malattia. Se poi questa malattia grave avesse il soppravvento noi di certo non porteremo ne fiori ne opere di bene, ma una grande festa che si ripeterà commemorativamente ogni anno (sarai il nostro eroe). Certo il tuo sarebbe un bellissimo funerale come quello del re sole (in cui sputavano sulla bara). Infine quando arriverai sul pantheon degli dei potrai ricevere anche tu la tanto meritata zucchinificazione (vedi Seneca). Dai brunetta facci sognare ed abbandona questa valle di lacrime.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...