Il ruggito del leone

C’è un vecchio leone, se ne sta sdraiato tutto il giorno a riscaldare le ossa al sole. I ragazzini screanzati gli tirano le pietre e i torsoli di mela. Gli impiegati si travestono da cacciatori e si fanno la fotografia col piede sulla sua groppa. I pagliacci lo sfottono. Anche le ragazze ridono delle chiazze vuote nella sua criniera. È così stanco che fatica perfino a scacciare le mosche che gli passeggiano sul muso. Ed ecco che, una volta che stanno proprio esagerando, e gli tirano la coda e le attaccano i barattoli, quello alza la testa, apre l’occhio buono e – ruggisce. Un ruggito vero, o quasi. Poi, divertito dal fuggi fuggi generale, si rimette giù e sogna la foresta. Volevo dire che mi è piaciuto parecchio l’altra sera Bersani, ad Annozero.

Adriano Sofri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...