Robert Byrd

dal blog di Francesco Costa

È morto Robert Byrd, 92 anni, il più anziano senatore degli Stati Uniti. La sua è una storia bellissima e lunghissima – ha fatto il senatore per cinquant’anni – e molti la racconteranno, oggi. Qui ne avevamo parlato in occasione del primo voto per la riforma sanitaria. Da tempo Byrd non era in grado di partecipare a tutte le sessioni del senato, e le sue condizioni di salute gli impedivano di prendere parte a tutte le votazioni. Anche durante le giornate convulse che precedevano i voti sulla riforma sanitaria, la sua presenza era sempre in dubbio. A un certo punto qualche repubblicano non fece mistero di sperare che morisse, così da compromettere il raggiungimento di quei determinanti sessanta voti. Byrd invece andò in aula a votare, accompagnato dai suoi colleghi che gli spingevano la carrozzina, e ripagò tutti rompendo il rigido protocollo del senato al momento del voto. Chiamato dalla presidenza, invece di dire il canonico «Aye» (sì), disse:

«This is for my friend Ted Kennedy. Aye!»

Annunci

3 risposte a “Robert Byrd

  1. secondo me uno che resta parlamentare per cinquant’anni arrivando a 92 anni è un po’ un problema fa gerontocrazia pesante

  2. Temo che non bisogna guardare alla politica USA con gli occhiali italiani,la presenza di molti anziani senatori (in fondo il senato è anche etimologicamente il luogo degli anziani) è ben bilanciata da un governo giovane,soprattutto nello staff

  3. la politica usa forse ma secondo me la storia di uno che resta senatore per 50 anni non è bellissima punto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...