Qui si riforma la RAI o si muore

La riforma della RAI è necessaria e non più procrastinabile. Il servizio pubblico è allo sfascio e non possiamo assistere inermi ad un disastro che ci si presenta davanti agli occhi ogni giorno quando accendiamo la televisione. La proposta di legge che il PD ha elaborato va nella direzione di trasformare la RAI finalmente in un’azienda moderna con un amministratore delegato che faccia davvero il manager e che risponda in prima persona solo del suo operato e dei suoi risultati. Purtroppo la destra non ha alcun interesse a lavorare per il bene del paese creando un servizio pubblico efficiente e funzionale, in grado di proporre informazione e trasmissioni di qualità. Ciò che interessa al Governo, e in particolare al premier, è poter alzare il telefono e chiamare i direttori delle reti e dei telegiornali e imporre la sua versione dei fatti e della politica senza alcun tipo di dissenso né di imparzialità. Se le proposte del Partito Democratico non saranno prese in considerazione, l’unica altra azione possibile è chiedere a tutti i membri del CdA di dimettersi, denunciando con un gesto così forte l’impossibilità di lavorare correttamente

Ignazio Marino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...