Una piccola storia di tasse

da nFA

Racconterò una storia che mi è stata riferita da un amico, che vuole rimanere anonimo, ambientata in una prestigiosa università italiana non più di qualche settimana fa.

L’Università frequentata dal mio amico rappresenta una piacevole eccezione per la presenza di un numero elevato di realtà associative, non solo di rappresentanza, per lo più indipendenti da partiti e da istituzioni esterne. In un certo senso, un mondo a sé, le cui dinamiche si determinano quindi in modo abbastanza autonomo.

All’interno di questo Ateneo esistono due tipi di realtà associative: da un lato quelle che fanno “politica”, cioè attività di rappresentanza secondo la legge negli organismi elettivi dell’Università, e quelle che fanno “altro”, cioè si basano su un progetto, o un’idea particolare, senza la pretesa di rappresentare altro che se stesse (c’è l’associazione ambientalista e quella che si occupa di accogliere e riunire gli studenti internazionali, eccetera).

Accade ora che, a fronte dell’enorme crescita (in numero e in partecipazione) delle associazioni del secondo tipo (da ora in poi, semplicemente “associazioni”), le prime (da ora in poi: “i rappresentanti”) si siano fatte promotrici di una riforma organica del sistema di rapporti tra queste e la governance universitaria. Era necessaria? Improbabile. Qualcuno l’aveva richiesta? Che si sappia nessuna associazione aveva richiesto nulla. Ma, si sa, la politica spesso conosce cosa sia necessario per il bene della società civile prima che questa se ne accorga …

Nella fase successiva il racconto si fa lungo e complicato, perché tra l’altro si produce una strana lotta per “sedersi al tavolo delle trattative”, che al fine della storia che voglio raccontare interessa relativamente; quello che conta è che i gruppi si accorgono che il regolamento dell’Università prevedeva una sorta di “tassa sul fund raising” delle dette associazioni, come forma di compensazione per l’utilizzo degli uffici. A nessuno dei rappresentanti viene in mente che la reazione più ovvia, nel passato, sia stata l’elusione totale di questa buffa forma di imposizione.

La mossa che ne segue, per come mi è stata raccontata da una fonte forse troppo parziale, è credibile solo nella misura in cui si confà perfettamente all’atteggiamento tipico di chi “fa politica” nel nostro Paese: i rappresentanti formulano una proposta unilaterale, da firmare in tempi brevi e in periodo di esami, che prevede anche un sistema di aliquote che hanno lo scopo di rinnovare il meccanismo di tassazione del fund raising autonomo delle associazioni.

In pratica, si applicherebbe una vera e propria tassa (con aliquote fino al 20%) da far convergere poi in un fondo controllato dall’università, e gestito da una Commissione mista di personale tecnico-amministrativo, docenti e, surprise surprise, rappresentanti degli studenti! Questo fondo distribuirebbe poi le risorse ottenute, in maniera discrezionale, alle associazioni richiedenti, indipendentemente dalla capacità di queste nel contribuirvi.

Qui inserisco un giudizio mio. La proposta più naturale sarebbe stata quella di abolire la buffa forma di tassazione esistente, incentivando invece le associazioni a rendere trasparenti le proprie forme di finanziamento in assoluta libertà, magari con un supporto tecnico-logistico da parte dell’Ateneo. In alternativa, dato che dalle associazioni non era venuto nessuno stimolo in questa direzione, si potevano lasciare le cose come stavano.

Però – a fronte dell’incredibile vivacità di quel mondo negli ultimi anni e della conseguente sua capacità di attrarre risorse, prima umane e poi finanziarie – la tentazione di prenderne un po’ il controllo, avendo un qualche potere di indirizzo sul medesimo attribuito dalla replica (all’interno dell’università) dei meccanismi stato-società civile che vediamo agire a livello nazionale, abbellendo magari l’operazione con bellissime argomentazioni “redistributive”, è stata evidentemente troppo forte per i “rappresentanti” degli studenti.

Accade, però, che tutte le associazioni coinvolte (più di una decina) iniziano a scambiarsi telefonate, messaggi, si incontrano, e scoprono di trovarsi contrarie a questa proposta! Una contrarietà che parte, probabilmente, da quelli che ne verrebbero maggiormente penalizzati, ma che tocca il senso di giustizia degli altri, che non vogliono sentirsi “mantenuti” dai colleghi più bravi. C’è una riunione, molto rapida, la stesura di una lettera, molto breve. C’è l’adesione di quasi tutti.

A fronte di tanta intransigenza, dopo un breve dibattito, i rappresentanti decidono di rinunciare alla proposta. In quell’università, almeno, la società civile verrà lasciata in pace ad auto-organizzarsi liberamente ed a fare ciò che, tranquillamente e privatamente, desidera fare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...