Ladri di verità

da Internazionale

Un giornalismo pigro, cattivo e irresponsabile aumenta le paure infondate delle persone

Nel maggio del 2008 sulla Repubblica è apparso questo titolo: “Catania, arrestati due rom: ‘Hanno tentato di rapire mia figlia”‘. Secondo l’articolo, tuttora disponibile sul sito del giornale, “una coppia di rom” era stata “arrestata dalla polizia per aver tentato di rapire una bambina di tre anni nel centro commerciale Auchan di San Giuseppe La Rena a Catania”.

L’articolo forniva una serie di particolari su quel “tentato rapimento”. Era una vicenda sconvolgente: cosa c’è di peggio di un sequestro di bambini in un luogo pubblico? Per qualsiasi genitore è il peggiore degli incubi.

Dopo quegli arresti molti rom sono stati cacciati da Catania. Poco tempo prima, vicino a Napoli, alcune persone avevano dato fuoco a un campo rom dopo un fatto analogo.

C’è solo un piccolo problema: la storia non era vera. I giovani “rom” (che tra l’altro avevano un nome e un cognome: Viorica Zavache e Sebastian Neculau) sono stati prosciolti dal tribunale in settembre, dopo aver passato quattro mesi in carcere senza aver commesso nessun crimine.

L’avvocato difensore di Zavache e di Neculau ha spiegato il loro arresto con il clima di intolleranza del tempo. Da allora la situazione non è migliorata. E ci sono forti dubbi anche sul caso di Napoli, che aveva portato all’incendio del campo rom. Stranamente l’unico quotidiano a dare il giusto spazio alla cosa è stato il Giornale, di proprietà della famiglia Berlusconi, che ha pubblicato la notizia del proscioglimento in prima pagina.

Le voci che puntano a creare un clima di panico nei confronti degli “zingari che rubano i bambini” circolavano già da anni. Fanno parte di un mito xenofobo, di uno stereotipo che si può mettere sullo stesso piano di tanti altri, che riguardano gli ebrei o altri gruppi etnici o perfino “i comunisti”.

Durante l’ultima campagna elettorale, per esempio, Silvio Berlusconi ha detto seriamente che sotto Mao i cinesi “facevano bollire” i bambini “per concimare i campi”. Gli insegnamenti che si possono trarre da questa vicenda sono tanti e importanti, e hanno a che fare con il giornalismo, con la paura e con la verità.

Il giornalismo e l’etica. I giornalisti hanno il dovere morale e professionale di raccontare quello che succede nel mondo. Ma tutti sono innocenti finché la loro colpevolezza non è dimostrata da un tribunale. Salvo che in Italia.

Ho sempre trovato incredibile il modo in cui tanti giornalisti italiani accusano di reati persone innocenti. In questo caso, per esempio, un giornalista di Repubblica ha preso una notizia dell’Ansa e l’ha riscritta (cosa che capita troppo spesso). Nel testo di partenza i “rom” erano “accusati” del reato. Per Repubblica l’avevano commesso. Accuse ipotetiche erano diventate fatti.

È un giornalismo non solo pigro e cattivo, ma anche irresponsabile. Quella “notizia” diffusa dalla stampa e da altri mezzi d’informazione ha direttamente provocato delle violenze e ha contribuito a esasperare un clima già pesante. I giornalisti dovrebbero sempre lasciare un margine di dubbio prima di informarsi meglio.

In Gran Bretagna non sarebbe mai stato celebrato un processo come quello ai due giovani. Se la stampa britannica avesse riferito quegli eventi così come ha fatto la Repubblica, il processo sarebbe stato annullato perché in quelle condizioni nessun giudice o giuria avrebbe potuto essere “obiettivo”.

Tutti i giornalisti dovrebbero adottare un atteggiamento cauto e scrupoloso, ma succede spesso il contrario: viene spontaneo attizzare il fuoco, esasperare le tensioni, esagerare i timori. Una prova di serio giornalismo investigativo su questa vicenda, invece, è stata data da un gruppo di studenti dell’università di Catania, che pubblicano i loro articoli sul sito Step1.it. Gli studenti di giornalismo hanno fatto il lavoro che avrebbero dovuto fare i loro colleghi più anziani e più esperti.

La paura. Abbiamo spesso paura degli altri, di chi non è come noi, di chi è povero, di chi vive ai margini della società, di chi ha un aspetto diverso. E la paura è un sentimento potente, forse il più potente di tutti.

La paura conduce alla discriminazione, alla violenza, al desiderio di esclusione, a una “domanda di sicurezza”. Inoltre la paura sposta voti. Come quello della vecchietta americana spaventata, che tutta tremante ha detto a John McCain che non si fidava di Barack Obama “perché è un arabo”.

La paura crea illusioni, ti fa vedere cose che non esistono. E così va a finire che due giovani “rom” in un supermercato diventano potenziali rapitori di bambini.

La verità. Nel maggio del 2008 molti lettori di giornali italiani – di sinistra e di destra – leggono che in un supermercato di Catania “un rom ha tentato di sollevare la bambina dal carrello della spesa con l’aiuto di un uomo, anche lui rumeno”. Passano quattro mesi e i due vengono prosciolti.

Le notizie pubblicate dal giornale erano false. Ma quei lettori oggi sanno la verità? Quasi certamente no. Il danno ormai è fatto. È troppo tardi. Nella società dello spettacolo in cui viviamo non contano più i fatti, conta chi strilla di più, anche se mente o si inventa le cose. Come ha scritto una volta Guy Debord, “nel mondo realmente rovesciato, il vero è un momento del falso”.

Annunci

Una risposta a “Ladri di verità

  1. Pingback: Ladri di verità | Politica Italiana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...