Unità d’Italia

da MyTube

TeanoRimettendo ordine in ufficio, mi capita tra le mani proprio oggi, ironia della sorte, un vecchio numero del National Geographic che avevo acquistato tanti anni fa da un rigattiere. E’ del novembre 1961 e la copertina è dedicata al centenario dell’unità d’Italia. Il giornalista americano autore del servizio, insieme a un fotografo, noleggia una piccola Fiat e gira la penisola in lungo e in largo. “Abbiamo trovato un paese prospero e in espansione, un particolare piacere per me che, quindici anni prima, lo avevo visto distrutto al tempo della guerra”, scrive Nathaniel Kenney. “Il ‘miracolo italiano’ di cui si sente tanto parlare è fatto, in realtà, di duro lavoro, realizzato da gente la cui capacità e il cui amore per il bello derivano dall’antica Grecia, dall’Impero romano, dal Rinascimento di Firenze, Venezia, Urbino. Vedere gli artigiani, gli architetti, gli ingegneri, gli artisti, i fashion designer italiani all’opera è un’ispirazione e una delizia, come abbeverarsi alla fonte di quel look  che significa eleganza e buon gusto. Oggi questi italiani sono liberi, liberi dall’oppressione del fascismo, liberi dall’arretratezza, liberi dalla miseria. Qualcuno chiama questa fase della vita nazionale un ‘nuovo Rinascimento’, io preferisco chiamarlo un ’secondo Risorgimento’, il risveglio di un popolo che solo pochi decenni or sono aveva perso tutto. Ma bisogna vedere se questa Italia resisterà alla prova del tempo. Nessuno può predire quanto a lungo sopravviverà”. Stasera, leggendo il suo reportage dall’Italia del 1961, viene da pensare che ci sia bisogno di un terzo Risorgimento. In tutti i sensi.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...