Processo alla meritocrazia

Alla scuola di politica di Cortona, il primo ottobre si è tenuto un processo singolare alquanto… Imputata era la meritocrazia.

In effetti di questa parola in tanti si riempiono la bocca da anni, ma non si è ancora capito bene a cosa serva. Leggere il racconto (di parte, ovviamente) dell’avvocato della difesa ci aiuta a riflettere.

Iniziamo a definire di cosa stiamo parlando. Per me la meritocrazia ha due facce. Primo, si tratta di una regola organizzativa: le responsabilità vanno distribuite secondo abilità e talento. Secondo, si tratta di una regola distributiva: il reddito va distribuito secondo l’abilità, il talento, e l’impegno che l’hanno prodotto (qui e in quello che segue uso implicitamente una delle identità fondamentali della contabilità nazionale: il reddito è identicamente uguale al prodotto). Naturalmente si tratta di facce della stessa medaglia: se in un sistema meritocratico uno ha abilità e talento per accedere alle posizioni di maggiore responsabilità nell’organizzazione sociale ed economica di una comunità, normalmente avrà anche un reddito maggiore.

Continua su noisefromamerika.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...