Requiem for a Dream

Alcuni se ne sono già accorti: questo circolo ha chiuso. Molto ha pesato nella decisione la scarsa attenzione del partito verso i circoli online, che ha portato ad un riconoscimento solo formale ma che non permetteva una reale partecipazione del circolo alla struttura del PD.

Il forum era ormai frequentato da solo una decina di persone e non si riusciva ad andare oltre alla (seppur utile) chiacchiera politica. Le iniziative concrete e le campagne che avevano contraddistinto il circolo nella sua fase iniziale erano un lontano ricordo.

La “vetrina” del blog restava attiva solo grazie al lavoro volontario di una piccola redazione, costretta a citare continuamente blog esterni in quanto internamente la produzione di contenuti era prossima allo zero. In questa situazione è stato sicuramente più maturo fermarsi, e decidere di mettere il proprio impegno a disposizione di qualcosa di nuovo che, si spera, dia migliori risultati.

Quello che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla.

Advertisements

8 risposte a “Requiem for a Dream

  1. Pingback: Obamiani trapassati | Politica Italiana

  2. A mio avviso non aveva senso dall’inizio chiedere al web di fare qualcosa che non funzionava offline. Insomma il problema è la crisi del ruolo dei circoli e non è spostando la questione dal quartiere al web che si risolve. Al contrario il web può essere utilissimo per discutere, fare sintesi e co-lavorare in modo da costruire e condividere buone pratiche che poi ognuno porta nel proprio quartiere, circolo, azienda, famiglia o quella che vuole.
    Ad ogni modo per un periodo questo sito e il network ning omonimo hanno funzionati da nodi di una rete di relazioni più vasta, spero ora non converga tutto sull’orrido facebook.

    Ciao
    Stefano

    PS
    Una roba del genere è il progetto cittadiniglobali.org che molto lentamente sto cercando di portare avanti.

  3. Comunque, mi rattrista.
    A proposito di bruchi, che si fa adesso?

  4. Beh, molti di noi stanno lavorando nei rispettivi territori. Inoltre anche iMille hanno chiuso la loro stagione di gruppo politico e si stanno trasformando in un magazine di approfondimento… e anche lì di lavoro ce n’è molto.

  5. IO.BALLO.COI.LUPI

    C’è chi sostiene che la democrazia è un sistema politico che consente a persone mediocri di governare su elettori altrettanto mediocri.
    L’uscita di Bersani sullo sciopero della CGIL mi pare che confermi in pieno questa tesi.
    Mi consola il fatto che sono oramai parecchie tornate elettorali che non voto più per questa “sinistra”……
    Quanto poi alla Camusso, nell’intervista al TG3 di ieri sera, nel sostenere e motivare lo sciopero ha dimostrato lo stesso entusiasmo di uno che ha un attacco di colite in un campo di ortiche……….
    Siamo messi davvero male………..

  6. Pingback: Un cambiamento di processo: una wikimozione congressuale

  7. Pingback: Un cambiamento di processo: una wikimozione congressuale | il mondo visto da un pennuto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...